Brescia 030.7776761
header header

News

24 AGOSTO 2015
Diritto all'Oblio: successo dello Studio a fianco di una multinazionale bresciana

Grande soddisfazione per il settore IT dello Studio Legale CRdM che ha affiancato una multinazionale bresciana del settore alimentare nella tutela del diritto alla correttezza dei dati forniti sulla piattaforma www nonchè alla tutela del diritto all'immagine sui social media.

Lo Studio si è reso protagonista di un iter di cancellazione molto complesso, partito dalla cancellazione di dati obsoleti e scorretti tramiteil servizio legal messo a disposizione dal provider Google per poi passare alla richiesta di cancellazione intentata direttamente al Server Manager Aruba S.p.a.

Lo stesso tipo di attività si è concentrato sui social media, dove il nome della multinazionale era collegato ad alcune diciture sconvenienti e/o denigratorie.

Il risultato è stato raggiunto con il coinvolgimento di tutti gli effettivi del settore IT dello Studio ed ha raggiunto un ottimo risultato, in termini di raggiungimento obiettivi posti dal cliente e di tempistica.

 


20 LUGLIO 2015
Dossier sanitario del paziente: stop alla libera circolazione delle informazioni

Importantissima deliberazione del Garante della Privacy sui dossier sanitari: il muro di cinta della segretezza delle informazioni personali è stato innalzato con la nascita di consensi informati, accessi solo per il personale autorizzato, diritto all'oscuramento e segnalazione tempestiva delle violazioni.

La Gazzetta Ufficiale n. 164 del 17 luglio scorso contiene proprio la deliberazione n. 331.

Il Dossier Sanitario non è la cartella clinica o il Fascicolo sanitario elettronico (Fse) ma è la "storia clinica" del paziente presso una determinata struttura sanitaria e contiene moltissime informazioni sulla sua salute. L'Fse è la storia clinica del paziente su più strutture sanitarie e la cartella clinica è la storia del paziente in una determinata struttura ma relativa ad uno specifico evento di ricovero.

Il Dossier Sanitario potrà non esistere più, senza il consenso informato del paziente o di chi ne fa le veci anche in caso di grave malattia invalidante (temporaneamente o permanentemente). Se il consenso viene prestato, i dati saranno di "dominio pubblico in ambito sanitario" e potranno essere utilizzati in caso di necessità del paziente stesso o di terzi (si preveda il caso di epidemie, patologie trasmissibili a terzi ecc. ).

Addirittura il paziente potrà decidere quali documenti far confluire nel dossier e quali lascire nascosti e inaccessibili, così che i medici successivi al primo, interessato direttamente, non vengano mai a conoscenza di alcuni accadimenti clinicamente importanti ma che il paziente non vuole far conoscere.

Attenzione: il medico è sempre tenuto ad effettuare tutti i controlli che ritenga più opportuni nel caso in cui non ravvisi nel dossier sanitario i dati necessari ed eseguire una diagnosi completa.

Perchè questa deliberazione è importante? Perchè questo dossier ed i dati in esso raccolti non saranno utilizzabili da periti, compagnie assicurative, datori di  lavoro, associazioni o organizzazioni scientifiche, amministrazioni.

Questa è la vera novità: la struttura sanitaria deve conservare il dossier e ne deve dare protezione, anche con l'informazione al paziente di chi lo richiede.

I dati contenuti in tale dossier, prima della tutela del Garante, erano alla mercè di ogni interessato ed avevano una importante ripercussione sul mercato, sia economica che giuridica.

 

 


24 GIUGNO 2015
Finalmente WEPOOL: Rete d'Impresa nel settore piscine, benessere e trattamento acque

E' proprio il caso di dirlo: finalmente WEPOOL!

Si allega l'articolo pubblicato sulla rivista Happy Aqquatix del mese di giugno 2015, riepilogativo del lavoro e della dedizione nella realizzazione del progetto Wepool.

Lo Studio Legale è stato in primissima linea con tutti i suoi effettivi per la redazione del contratto di Rete d'Imprese (complesso e pressochè unico nel suo genere) e nella realizzazione di un Codice Etico omnicomprensivo necessario a regolare il comportamento e le finalità delle imprese riunite.

Si ricorda che la Rete è composta da 10 realtà del settore piscine, benessere e trattamento acque.

Si ringraziano tutti i partner off coucil per l'aiuto, la tenacia e lo spirito di sacrificio profuso in questa splendida avventura.

Lo Studio

Avv. Giampiero Caruso

Avv. Stefano Rivellini

Avv. Riccardo de' Medici


pdfFinalmente WEPOOL

19 GIUGNO 2015
Reti d'Impresa e Artigianato Digitale: al via il bando

Al via il tanto agognato Bando per finanziare le Reti d'Impresa che volessero investire nel c.d. Artigianato Digitale, ovvero centri di aggregazione per la realizzazione di software, hardware e realtà innovative nel settore del digitale.

Si allega una scheda riassuntiva della nostra sezione R&S.

Sperando di fare cosa gradita


pdfRETI E ARTIGIANATO DIGITALE.pdf

29 MAGGIO 2015
Internet Community Technology: l'Unione Europea in campo per un mercato unico

Nell'ambito della nostra ricerca ICT, segnaliamo un importante contributo dell'Unione Europea sulla creazione di un mercato digitale comune in Europa.

La scelta è eccelente e stimolante, anche se ancora complessivamente difficile da realizzare.

Ne alleghiamo la scheda riassuntiva.


pdfEuropa Digitale: mercato unico prossima tappa